img_autohp
  COSA FARE SUBITO
 
 

LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI NELL'ASSICURAZIONE R.C. AUTO

La guida pratica alle procedure di risarcimento per l'utente r.c. auto

Questo documento è frutto di un intesa fra l'ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici), l'UEA (Unione Europea Assicuratori), l'AUDIOCONSUM (Associazione Italiana Difesa Consumatori), il COMITATO DIFESA CONSUMATORI, la FEDERCONSUMATORI, la Lega Consumatori ACLI, il Movimento Consumatori e l'Unione Nazionale Consumatori ed è stato redatto nel quadro del progetto "Trasparenza e qualità nell'assicurazione" tendente a migliorare i rapporti, troppo spesso difficoltosi, fra utenti ed assicuratori.

Le "pagine" che seguono tengono conto delle norme di legge, delle "convenzioni" e degli "accordi" che regolano l'assicurazione per la responsabilità civile auto e costituiscono una guida pratica per sapere esattamente cosa fare in caso di sinistro auto e quali standard di comportamento debba rispettare l'assicuratore per garantire un servizio trasparente e di qualità.

Il documento ovviamente fa riferimento alla stragrande maggioranza dei sinistri r.c. auto; situazioni particolari, che escono da questa diffusa "normalità", potrebbero non trovare automatica risposta in questa guida.

E' utile in ogni caso rivolgersi al proprio assicuratore per assistenza ed informazioni.

I principali riferimenti normativi, aggiornati al 31 maggio 1996, sono i seguenti:
  • Legge 24 dicembre 1969 n.990 (istitutiva della r.c.a. obbligatoria)
  • D.P.R. 24 novembre 1970 n.973 (regolamento di esecuzione della 990)
  • Legge 26 febbraio 1977 n.39 ("miniriforma" della 990)
  • D.P.R. 16 gennaio 1981 n.45 (modifiche del regolamento di esecuzione)
  • D.M. 28 luglio 1977 (modulo di denuncia sinistro)
  • D.Lgs. 17 marzo 1995 n.175 (liberalizzazione tariffaria)

ed inoltre

  • Convenzione per l'Indennizzo Diretto;
  • Accordo tra assicuratori per la gestione dei sinistri con pluralità di danneggiati;
  • Accordo tra ANIA e Organizzazioni Artigiane di carrozzieri;
  • Convenzione Multilaterale di Garanzia tra Bureaux Nazionali.
   ^ inizio ^

QUELLO CHE DEVI SAPERE SULL'ASSICURAZIONE R.C. AUTO

Ogni veicolo a motore deve essere assicurato con la polizza r.c. auto.

Ricordati che circolare con un veicolo non assicurato comporta il sequestro del veicolo, una sanzione e l'obbligo di risarcire personalmente i danni eventualmente provocati ad altri.

Attenzione: il mancato pagamento del premio nei termini previsti equivale ad essere privi di assicurazione.

Con la polizza r.c. auto è l'assicuratore che paga agli altri (i cosiddetti terzi), i danni loro provocati dal veicolo assicurato per responsabilità del conducente, nei limiti della somma indicata in polizza (il cosiddetto massimale).

La legge prevede un limite minimo di 1,5 miliardi di lire che, ad esempio in caso di danni a più persone, può risultare insufficiente; in tal caso sarai tu a dover risarcire ai terzi il danno eccedente.

Sappi inoltre che la polizza copre anche i danni subiti dai tuoi passeggeri, limitatamente a quelli fisici, nei sinistri avvenuti per responsabilità del conducente del tuo veicolo. Non copre invece quelli subiti dal conducente stesso.

Ci possono però essere casi (indicati in polizza come esclusioni) in cui l'assicuratore, pur dovendo risarcire il terzo danneggiato, ha diritto di essere da te rimborsato della somma pagata. Si tratta normalmente di casi in cui la circolazione non avviene nel rispetto di alcune disposizioni di Legge.

Ad esempio:

  1. Se il conducente responsabile del sinistro è privo di valida patente;
  2. Nel caso di danni ai passeggeri se il loro numero è superiore a quello previsto nel libretto di circolazione;
  3. Se il conducente, al momento del sinistro, guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.

Ricordati quaindi di leggere attentamente le eslusioni previste in polizza.

  ^ inizio ^

RICORDATI DI TENERE SEMPRE PRONTI IN AUTO:

Più copie del modulo blu, magari già precompilate con i dati dell'assicurato, del veicolo e della polizza (sezioni 6,7 e 8).

Il Certificato di Assicurazione (obbligatorio).

  ^ inizio ^

COSA FARE AL MOMENTO DEL SINISTRO

Una denuncia di sinistro completa in ogni parte accelera la procedura di liquidazione del danno.

E' quindi fondamentale la collaborazione tra le persone coinvolte nel sinistro.

Se non vi è accordo sulle modalità del sinistro, può essere utile richiedere l'intervento delle autorità.

E' necessario comunque raccogliere tutti gli elementi utili seguendo queste indicazioni:

  1. Compilare accuratamente il modulo blu (Constatazione amichevole di incidente - Denuncia di sinistro) seguendo le istruzioni riportate nell'ultima pagina del modulo stesso);
  2. Firmalo e, possibilmente, farlo firmare anche all'altro conducente;
  3. Se firmato da entrambi i conducenti, trattenere due copie del modulo e consegnare le rimanenti all'altro conducente.

Se nessuno dei due conducenti ha con sè il modulo blu, raccogliere almeno i seguenti dati:

  1. Data, luogo e ora del sinistro;
  2. Tipo e targa dell'altro veicolo;
  3. Compagnia di assicurazione dell'altro veicolo (che si può ricavare anche dal contrassegno esposto sul parabrezza);
  4. Cognome, nome, indirizzo e numero di telefono del conducente dell'altro veicolo;
  5. Generalità del proprietario del veicolo (se diverso dal conducente);
  6. Descrizione dettagliata dell'incidente e dei danni materiali visibili;
  7. Generalità di eventuali feriti;
  8. Generalità di eventuali testimoni;
  9. Autorità eventualmente intervenute.
  ^ inizio ^

COME FARE LA DENUNCIA DI SINISTRO

E' assolutamente consigliabile che la denuncia di sinistro venga effettuata utilizzando modulo blu. Se questo non era disponibile al momento del sinistro è utile compilarlo successivamente con i dati raccolti e sottoscriverlo.

In ogni caso occorre che entrambi gli assicurati presentino sollecitamente al proprio assicuratore (entro tre giorni secondo il codice civile) la denuncia di sinistro e forniscano ogni altra indicazione eventualmente richiesta.

  ^ inizio ^


COME OTTENERE IL RISARCIMENTO

La procedura "CID" - Convenzione Indennizzo Diretto

Questa procedura consente all'assicurato, che ha in tutto o in parte ragione, di ottenere il risarcimento direttamente dal proprio assicuratore e si applica quando:

- Il modulo blu è firmato da entrambi i conducenti;

* Si tratta di urto fra due soli veicoli (esclusi ciclomotori e macchine agricole) assicurati da imprese aderenti alla Convenzione Indennizzo Diretto (CID)

* Non vi sono danni alle persone;

In tal caso, l'assicuratore:

  • raccoglie la denuncia di sinistro e ne rilascia ricevuta all'assicurato; la ricevuta non è necessaria se la denuncia è stata inviata per lettera raccomandata;
  • indica all'assicurato il numero di sinistro, la persona o l'ufficio incaricato di trattare il danno con relativo recapito, numero telefonico e reperibilità;
  • provvede alla perizia del danno entro 10 giorni da quello in cui è stato messo a sua disposizione il veicolo;

entro 15 giorni successivi alla perizia:

  1. in caso di accordo con l'assicurato, paga l'importo concordato e, contestualmente, può chiederne ricevuta;
  2. in caso di disaccordo (ad esempio sull'entità del danno o sulle percentuali di responsabilità del sinistro), paga la somma che ritiene dovuta.

In quest'ultimo caso, l'assicurato incassa la somma e può rivolgersi all'assicuratore dell'altro veicolo (con le procedure indicate al successivo paragrafo "La procedura ORDINARIA"), al quale, contestualmente, trasferisce la pratica.

  ^ inizio ^


LA PROCEDURA "ORDINARIA"

Se per qualsiasi motivo non può essere applicata la procedura CID, allora si applica la seguente procedura:

A. Il danneggiato:
invia all'assicurazione dell'altro veicolo e, per conoscenza, al proprietario dello stesso la richiesta di risarcimento dei danni subiti, mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno;

La raccomandata deve:

  1. avere in allegato una copia del modulo blu o, in mancanza, una dettagliata descrizione del sinistro e le generalità della controparte;
  2. indicare il luogo e i tempi utili in cui si mette il veicolo a disposizione dell'assicuratore per la perizia dei danni (almeno 8 giorni lavorativi successivi a quello di ricevimento della raccomandata, nei normali orari di lavoro);
  3. contenere ogni indicazione utile per la valutazione di eventuali danni alle persone;
  4. avere in allegato eventuali certificazioni mediche e la certificazione di avvenuta guarigione; qualora tali certificazioni non siano disponibili, è possibile inviarle in seguito con una seconda raccomandata.

A1. Se il danneggiato ha fornito tutti gli elementi indicati al precedente punto A, l'assicuratore:

  • indica all'assicurato il numero di sinistro, la persona o l'ufficio incaricato di trattare il danno con il relativo recapito, numero telefonico e reperibilità;
  • provvede all'accertamento dei danni tramite un perito inscritto al Ruolo Nazionale dei periti in infortunistica stradale;
  • se il danno è risarcibile, comunica al danneggiato la somma offerta per il risarcimento;
  • se il danno non è risarcibile, comunica al danneggiato i motivi per cui ritiene di non dover fare l'offerta.

Queste ultime comunicazioni sono effettuate, per legge:

  • nel caso di soli danni materiali e/o lesioni alle persone guarite entro 40 giorni dal sinistro (che non comportino invalidità permanenti), entro 60 giorni dalla ricezione della raccomandata;
  • nel caso di soli danni materiali, con il modulo blu firmato da emtrambi i conducenti, entro 30 giorni dalla ricezione della raccomandata.

Il danneggiato, una volta ricevuta l'offerta dell'assicuratore, può:

  1. dichiarare di non accettarla - in questo caso l'assicuratore deve provvedere al pagamento entro 15 giorni dal ricevimento della dichiarazione;
  2. dichiarare di non accettarla - in questo caso l'assicuratore deve inviare egualmente la somma offerta entro 15 gironi dal ricevimento della dichiarazione; il danneggiato può incassarla senza che quasto pregiudichi le sue pretese.
  3. non rispondere all'offerta ricevuta - in questo caso l'assicuratore, dopo che sono trascorsi 30 giorni alla comunicazione dell'offerta, senza ricevere risposta, ha l'obbligo comunque, entro ulteriori 15 giorni, di inviare la somma offerta; il danneggiato può incassarla senza che questo pregiudichi le sue pretese.

A2. Se il danneggiato non ha fornito tutti gli elementi indicati al precedente punto A nei casi di danni alle persone, guariti oltre 40 giorni dal sinistro o che comportino invalidità permanenti, l'assicuratore:

  • indica al danneggiato il numero di sinistro, la persona o l'ufficio incaricato di trattare il danno con relativo recapito, numero telefonico e reperibilità;
  • indica al danneggiato i documenti che devono essere presentati per poter ottenere il risarcimento;
  • provvede all'accertamento dei danni tramite un perito inscritto al Ruolo Nazionale dei periti in infortunistica stradale;
  • se il danno è risarcibile, ricevuta la necessaria documentazione, comunica al danneggiato la somma offerta per il risarcimento,
  • concordato l'ammontare dell'indennizzo, versa al danneggiato, nei 15 giorni successivi, l'importo relativo e, contestualmente al versamento, può chiederne ricevuta;
  • se il danno risulta non risarcibile, ne dà comunicazione al danneggiato non appena la circostanza viene rilevata.

Attenzione: la legge prevede che il diritto al risarcimento del danno si prescriva in 2 anni; ricordati quaindi di chiedere il risarcimento non oltro 2 anni dalla data dell'incidente ed eventualmente di rinnovare la richiesta almeno ogni 2 anni, sempre con lettera raccomandata.

  ^ inizio ^


FONDO GARANZIA VITTIME DELLA STRADA

Istituito dal Legislatore a tutela dei danneggiati, il Fondo di Garanzia interviene, nei limiti dei massimali obbligatori, nei seguenti casi:

  1. sinistri causati da veicoli non identificati, solo per i danni alle persone;
  2. sinistri causati da veicoli non assicurati, per i danni alle persone ed anche, con una franchigia di 500 ECU (circa un milione di lire), per i danni alle cose;
  3. sinistri causati da veicoli assicurati con imprese poste in "liquidazione coatta amministrativa"

Nei casi 1 e 2 occorre inviare la richiesta di risarcimento (redatta conformemente al precedente punto A) alla CONSAP S.p.A. - Servizio Fondo di garanzia per le vittime della strada, Largo Tartini, 4 - 00198 Roma e all'impresa designata per il territorio in cui è avvenuto il sinistro.

Nel caso 3, poichè la legge prevede varie ipotesi, è opportuno, prima di inviare la richiesta di risarcimento, individuare il soggetto cui deve essere trasmessa.

  ^ inizio ^


INCIDENTI PROVOCATI DA VEICOLI STRANIERI

Se l'incidente provocato da un veicolo straniero è avvenuto in Italia, occorre inviare la richiesta di risarcimento (redatta conformemente al precedente punto A) all'UCI - Ufficio Centrale Italiano, Corso Venezia, 8 - 20122 Milano, che, successivamente, comunicherà il nominativo della società incaricata di liquidare il danno.

Se invece l'incidente provocato da un veicolo straniero è avvenuto all'estero, la richiesta di risarcimento deve essere inviata direttamente al "Boreau" di quello Stato (l'equivalente dell'UCI Italiano). E' quindi opportuno, al momento del sinistro, individuare esattamente l'assicuratore del veicolo straniero.

  ^ inizio ^


ACCORDI TRA LE IMPRESE DI ASSICURAZIONE PER FACILITARE IL RISARCIMENTO

Quasi tutte le imprese hanno aderito agli Accordi promossi dall'ANIA, che tendono a facilitare la liquidazione dei danni ed a rendere più veloce il risarcimento.

Se si ritiene applicabile uno degli Accordi sotto brevemente illustrati, prima di attivare la procedura di risarcimento, è assolutamente necessario rivolgersi al proprio assicuratore per ottenere tutti i chiarimenti.

  ^ inizio ^


ACCORDO "SINISTRI CON PIU' DANNEGGIATI"

Il danno subito da un "terzo" incolpevole o solo parzialmente colpevole (tamponamento a catena, vettura parcheggiata, pedone, terzo trasportato) in seguito ad una collisione tra veicoli, viene risarcito:

  • se si tratta di persona trasportata, direttamente dall'assicuratore del veicolo su cui il "terzo" viaggiava;
  • negli altri casi, direttamente dall'assicuratore del veicolo che lo ha materialmente urtato e danneggiato, anche se non si tratta del veicolo effettivamente responsabile dell'incidente.

Per attivare questa procedura, è necessario che il danneggiato trasmetta la sua richiesta di risarcimento all'assicuratore così individuato.

Questa procedura si applica per i danni a cose e/o persone non superiori a 1, 100 milioni di lire (iva compresa).

Ove peraltro il danno complessivamente considerato fosse superiore a 120 milioni di lire (iva compresa), l'assicuratore del responsabile può decidere di trattare direttamente il danno. In tal caso né sarà data informazione al danneggiato.

  ^ inizio ^


GLOSSARIO

Accessori di serie:
Installazioni stabilmente fissate al veicolo costituenti normale dotazione di serie senza supplemento al prezzo base di listino.
Accessori non di serie:
Installazioni stabilmente fissate al veicolo non rientranti nel novero degli accessori di serie e degli optionals.
Accertamento del danno:
Attività svolta dalla società assicuratrice per accertare l'esistenza e l'entità del danno (clinico e/o economico) dichiarato dall'Assicurato, in seguito ad un "incidente", al fine di determinare il risarcimento.
Assicurato: Persona o società garantita contro il verificarsi dei rischi previsti dall'assicurazione.
Assicurazione: Contratto stipulato tra una persona/azienda e una società assicuratrice affinchè l'assicurato riceva un indennizzo, al verificarsi di certe condizioni, stabilite nella polizza.
Assistenza: Aiuto concreto 24 ore su 24 in caso di emergenza derivante dall'avaria o dall'inefficienza del veicolo oppure da esigenze personali.
Attestato di rischio:
E' il documento che ogni compagnia ha l'obbligo di rilasciare per certificare i sinistri avvenuti negli ultimi 5 anni. Questo documento è indispensabile per l'attribuzione della classe di merito bonus/malus sulla nuova polizza.
Avviso di sinistro:
E' la comunicazione con la quale l'assicurato informa la società assicuratrice che è avvenuto un "incidente". L'avviso di sinistro dovrebbe essere effettuato entro tre giorni dall'accaduto, a mezzo CID o tramite denuncia scritta.
Beneficiario: La persona/società che, essendo indicata nel contratto d'assicurazione, otterrà il risarcimento dalla società assicuratrice, al verificarsi dell'evento assicurato e delle condizioni concordate.
Bonus/Malus: Classe di rischio che determina la diminuzione o aumento dell'ammontare del premio assicurativo, rispettivamente in assenza o in presenza di "incidenti" nel "periodo di osservazione" (ossia nell'arco di 9/12 mesi).
Complementare Auto Rischi Diversi:
E' una garanzia aggiuntiva che copre vari rischi riferibili a un veicolo, escluso quello primario della responsabilità civile: tra questi, ad esempio, rottura cristalli, danni conseguenti a furto di cose non assicurate, autorimessaggio e trasporto in caso di ritrovamento, sottrazione o smarrimento chiavi, rimborso spese immatricolazione, ripristino box di proprietà, rimborso premio RCA non usufruito in caso di furto, rimborso tassa di proprietà, garanzia bagaglio, caduta corpi orbitanti.
Complementare RCA : Consente di godere di garanzie accessorie per i danni causati dai passeggeri trasportati o dalla circolazione illecita dei figli minorenni o di chiunque sia soggetto a tutela; copre le spese sostenute da terzi per risarcire danni derivanti dall'incendio o dall'esplosione del veicolo dell'assicurato. Inoltre, prevede il rimborso di alcuni costi sostenuti per il trasporto di persone rimaste vittime di incidenti stradali.
Condizioni di polizza:
Sono le clausole che regolano il contratto assicurativo o polizza. Tali condizioni sono in parte predefinite (condizioni generali) e in parte concordate al momento della stipula del contratto stesso (condizioni particolari).
Contraente: Colui che stipula e paga l'assicurazione. Non sempre coincide con l'assicurato.
Danno: E' il verificarsi del fatto coperto dalla polizza d'assicurazione che dà diritto al risarcimento.
Diaria: Somma giornaliera pagata dall'assicurazione all'assicurato al verificarsi di un certo evento (es: ricovero ospedaliero dovuto ad infortunio).
Eventi naturali: Rientra nelle coperture contro gli imprevisti. E' un'assicurazione che copre i danni provocati al veicolo da eventi atmosferici: grandinate, alluvioni, trombe d'aria, ecc..
Eventi sociopolitici:
Rientra nelle coperture contro gli imprevisti. E' un'assicurazione che copre i danni provocati al veicolo da eventi socio - politici: vandalismo, scioperi, tumulti, ecc..
Franchigia: Parte di danno, prevista dalla polizza, che non viene rimborsata e resta a carico dell'assicurato. Normalmente è espressa in cifra fissa. Inoltre, può essere assoluta, cioè applicabile qualunque sia l'entità dell'evento, o relativa, ossia applicabile solo qualora il danno sia pari o inferiore a essa. La franchigia si distingue dallo "scoperto" (vedi) in quanto è sempre costituita da una cifra fissa mentre lo scoperto è una percentuale.
Infortuni del conducente:
Consente di estendere la copertura assicurativa anche a chi non sta alla guida poichè non garantito in caso di incidente con responsabilità.
Indennizzo: Somma versata all'assicurato dalla compagnia in caso di "incidente" o sinistro.
Kasko: Assicurazione relativa ai guasti accidentali riportati dal veicolo in seguito a collisione, urto, ribaltamento e uscita di strada.
Massimale: Somma massima che la società assicuratrice può essere chiamata a pagare, nel caso in cui si verifichi il rischio considerato nel contratto. Dicesi massimale unico quando lo stesso è identico per persone, cose
Mini - Kasko: Assicurazione relativa ai guasti accidentali, riportati dal veicolo e derivanti da collisione.
Optional: Installazioni stabilmente fissate al veicolo, fornite dalla casa costruttrice con supplemento al prezzo base di listino.
Polizza: E' il contratto di assicurazione. Si tratta del documento che contiene le "condizioni di assicurazione" che regolano il rapporto tra assicurato e compagnia. Deve essere sottoscritta da entrambe le parti.
Premio: E' il prezzo dell'assicurazione. E' la somma di denaro che il contraente versa alla società assicuratrice per rendere efficace la polizza. Può essere saldato per intero o frazionato (a rate).
Quietanza: E' la ricevuta di avvenuto pagamento dell'assicurazione, rilasciata dalla società all'assicurato. Corrisponde però anche al documento che l'assicurato firma al momento del risarcimento di un "sinistro da parte della società assicuratrice".
RCA (Responsabilità Civile Automobilistica): E' la responsabilità del conducente e del proprietario di un veicolo a motore. E' obbligatorio assicurare la propria automobile per i danni che potrebbero derivare dalla circolazione della stessa. La legge impone un massimale da assicurare di almeno 1,5 miliardi di lire. Le compagnie d'assicurazione offrono la possibilità di scegliere importi più alti, fino ad un massimale illimitato.
Risarcimento: Somma spettante al terzo danneggiato a seguito di sinistro.
Rischio: Indica la possibilita che si verifichi un evento sfavorevole all'assicurato: rappresenta, in pratica, l'oggetto del contratto di assicurazione.
Ritiro Patente: Quando un automobilista e soggetto alla sospensione e quindi al ritiro immediato della patente di guida (a causa di un incidente che abbia procurato feriti o morti), se ha stipulato un'adeguata assicurazione, e non e responsabile dell'incidente riceve un rimborso monetario per ciascun giorno di durata della sospensione (con un max di 180 giorni).
Scoperto: E' la parte percentuale del danno che, in caso di sinistro, rimane a carico dell'assicurato e che la societa assicuratrice dichiara non coperta sulla polizza. Si distingue dalla "franchigia" (vedi) perche opera in percentuale sul danno da liquidare e non in cifra fissa.
Sinistro: E' il verificarsi del fatto coperto dalla polizza d'assicurazione che da diritto al risarcimento del danno avuto.
Tariffa: La tariffa della Compagnia in vigore al momento della stipulazione del contratto o del suo rinnovo. Determina il premio da pagare per avere l'assicurazione.
Tutela giudiziaria: Assicurazione che copre le spese legali e peritali, in caso di liti e procedimenti.
Valore a nuovo: E' il prezzo di listino a nuovo dell'auto, al momento del sinistro. In caso di perdita totale per furto o distruzione dell'auto nei primi 6 mesi dall'immatricolazione e questo l'ammontare che viene interamente rimborsato (con il limite della somma con cui il contraente aveva stipulato la polizza).
Valore assicurato: E' il valore dichiarato in polizza. Lo stesso deve corrispondere al valore commerciale al momento della stipula del contratto.
Valore Accessori: Installazione stabilmente fissate al veicolo. Sono di "serie" se costituiscono la normale dotazione senza supplemento al prezzo base di listino. Sono "non di serie" se non rientranti nel novero degli accessori di serie e degli optional.
Valore commerciale: E' il valore del bene assicurato al momento del sinistro in relazione all'eta e al degrado dovuto all'uso. Corrisponde al valore del corrente mercato dell'usato, riportato dall'Eurotax o Quattroruote.

 ^ inizio ^

©2013 VPM sas P.IVA: 01566060222